Mercoledì della seconda settimana di Avvento


Venite a me, voi tutti che siete affaticati.

Dal Vangelo secondo Matteo (11,28-30)


In quel tempo, Gesù disse: «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».


Parola del Signore

Noi e la Parola

Nella vita capita qualche volta di portare pesi che ci sembrano insopportabili (in questo periodo è impossibile non pensare alla Pandemia che ci colpisce e alla sofferenza che provano tante persone in mezzo a noi); si fatica a camminare, ma soprattutto si ha l'impressione di essere abbandonati da Dio (cfr. Prima lettura di oggi).

Ma, è Gesù lo sguardo del Padre, carico della compassione di Dio per ogni uomo, in ogni temo! La misericordia e l'amore del Padre raggiungono anche noi! Oggi, il Vangelo ci ricorda che siamo chiamati ad andare a Gesù e a imparare dal mite e umile di cuore. Colui che ci rivela il segno della pace: accogliere la volontà del Padre, anche se a volte passa attraverso eventi pesanti: lui ci ha dato esempio! Se si ha il coraggio di prendere il giogo del Figlio (l'amore) allora la vita, con i suoi pesi camminerà verso la Pace.

Cristo è ancor oggi per noi un maestro mite e colmo d'amore per gli uomini che continua a prendersi cura della nostra salvezza. Lo dichiara apertamente nei vangeli come abbiamo appena letto: «Venite, imparate da me perché sono mite e umile di cuore» (Mt 11,28-29). Quant'è grande la condiscendenza di colui che ci ha fatto! La creatura non abbia timore! Venite, imparate da me. Il Signore è venuto a consolare i suoi servi che erano caduti. Ecco come si comporta Cristo: si mostra pieno di compassione; sebbene il peccatore dovesse essere punito, sebbene la stirpe di quelli che provocavano la sua ira dovesse essere annientata, egli rivolge parole di pace ai colpevoli. «Venite, imparate da me, perché sono mite e umile di cuore» (ibidem).

Dio è umile, l'uomo orgoglioso. Il giudice è clemente, il colpevole superbo. Le parole dell'artefice sono umili, quelle dell'argilla sembrano quelle di un re. [...] Venite, osservate la sua ineffabile bontà. Chi non amerà il Signore che non colpisce? Chi non ammirerà il giudice che supplica a favore del colpevole? La semplicità delle sue parole ti stupisce. «Io sono il Creatore e amo la mia opera. Io sono l'artista e ho cura di ciò che ho plasmato. Se volessi ricorrere alla mia autorità, non libererei l'umanità caduta; se non curassi la sua malattia incurabile con farmaci appropriati, non guarirebbe; se non la confortassi, morirebbe; se mi limitassi a minacciarla, perirebbe. Per questo motivo pongo su di lei che giace a terra l'unguento della bontà. Mi piego su di lei pieno di compassione per rialzarla dalla sua caduta. Chi sta in piedi non può rialzare da terra chi è caduto se non si china a tendergli la mano. «Venite, imparate da me perché sono mite e umile di cuore». Non dico parole vane vi ho mostrato le mie opere; il «perché sono mite e umile di cuore» vedilo da ciò che sono diventato. Guarda la forma, pensa alla dignità e venera la mia condiscendenza a causa tua. Pensa da dove sono venuto, dove mi trovo a conversare con te. Il cielo è il mio trono e io sto a parlare con te. Nell'alto sono glorificato e nella mia paziente bontà non mi adiro «perché sono mite e umile di cuore».

(PSEUDO-GIOVANNI CRISOSTOMO, Basso martire, in PG 50,721-722)

42 vistas0 comentarios

Entradas Recientes

Ver todo

© 2019 Congregazione delle Suore di S. Marta Pastorale delle Vocazioni

Roma - vocazioni.ssmartaroma@gmail.com 

  • Telegram
  • Instagram Icona sociale